Le maschere viso da ozio natalizio

Se c’è una cosa che il Natale ci da è il tempo. Quello ozioso e pigro in cui ci ritroviamo senza sapere come sul divano alle tre di pomeriggio per una piccola pennica di due ore, dopo il pranzo e prima della merenda. È il suo bello: farci riscoprire la casa e la famiglia e la nullafacenza di un pomeriggio di martedì e l’assenza di fretta e la possibilità di farci una maschera. Attendendo quei venti minuti di posa che nel quotidiano ci sembrano una vita. E che possiamo invece dedicare a meditare sul quanto ci vestiamo male. E sul perché per indossiamo un orrido Christmas Jumper. 

  1. Radiant Glow Mask di Evolve, uno dei miei mai senza. Perché la combo polvere di cacao crudo e argilla arricchita con grani di cocco purifica, esfolia ed illumina. E perché sa per davvero di cioccolato. Io la faccio in genere nel weekend e cosa ancora più importante per una pigra come me si rimuove davvero facilmente. 
  2. All’argilla rosa mediterranea firmata Origins con i granì di Jojoba per i pori dilatati e per una pulizia profondo della pelle. Io la uso a “zone” a seconda delle esigenze e dei momenti dell’anno. 
  3. Un mix di polveri – di riso e di mandorle e di bambù e di mirtillo ognuna con una azione specifica, per il Re-Move esfoliante di Clarins comodissimo (si mette tra le mani una piccola dose di polvere e si aggiunge l’acqua così da diventare immancabile anche per motivi di praticità nel  beauty da viaggio) 
  4. Questa maschera alla rosa nera di Sisley è un capolavoro. Quindici minuti e agisce su tutti i segni della stanchezza con la sua azione rivitalizzante e idratante. Da usare quando questo mood natalizio sarà terminato e dovremo tornare alla sveglia puntata.
  5. Io amo le bubble mask e sulla mia pelle funzionano da Dio. Segnalo questa di Rougj all’ossigeno attivo che pulisce a fondo la pelle, purificandola, eliminando le tossine e rendendola perciò luminosa anche senza bisogno di blush e glow. Tempo di posa 3/4 minuti. 

Lascia un commento