Voglio vivere in pigiama

Ormai diventato parte essenziale del guardaroba di una donna intelligente perché esiste forse qualcosa di più bello e femminile del pigiama da uomo su una donna per andare a dormire? E per uscire la mattina a comprare ancora sgualcita di sonno e di sogni il cornetto e i giornali e passare in tintoria a ritirare quel maglione lasciato lì tre mesi prima? E per andare a una cocktail dinner – su Zoom si intende – con le amiche di giovedì sera e trovarsi – operazione di strucco a parte – già pronte per infilarsi sotto le pezze.

Non credo o meglio forse esiste ed è la t-shirt bianca perfetta di cui però abbiamo già parlato quindi che pigiama sia.

Sandalo e pelle e Aspirina, anche

 Per la serie i consigli di styling Ã¨ un pigiama e tale deve sembrare senza la velleità di camuffarlo o trasformarlo in altro. E’ come sempre l’attitude che conta – che deve essere quella che riserveremmo a un Valentino Couture, bandita ogni forma di timidezza o imbarazzo. Cosa ci sarà mai di strano ad uscire in pigiama non è dato saperlo. Quindi per il giorno il consiglio è una sneakers e un blazer e una sciarpa magistralmente annodata e l’aria trasandata ma chic da sabato mattina. Mentre per la sera sandalo alto – la pelle a vista vince quasi sempre – un blazer sulle spalle o un cappotto lungo (no mezze misure striminzite che la vita già lo è di suo) e se la serata lo permette e se l’unico tragitto da compiere è quello dal portone al taxi anche senza niente – e mini clutch svampita (quelle in cui io ci metto metà della roba salvo ficcare la restante metà nelle tasche del cappotto sperando che al guardaroba non vada perduto).

Elenco non esaustivo dei miei preferiti, in un importate mix&match che dovrebbe accontentare tutti. 

 The Sleeper, un brand ucraino che da un paio di stagioni si è imposto nel mondo dello sleepwear da street. Ovvero dei pigiami con cui possiamo uscire a cena e non solo a fare colazione. Il mio preferito quello sizeless ovvero senza taglia nella variante rigata e il pantalone over con tanto di piume a ricordarci che overdress è bello

 Folkloore, un collettivo di pezzi provenienti da tutto il mondo (Mila, la fondatrice, non solo si occupa di selezionare il tutto ma anche che siano prodotti da artigiani locali con il rispetto delle tradizioni). I pigiami sono in cotone, e hanno anche le camicie da uomo, un po’ over per dormire, ma con stampe e fantasie femminili. 

 LaDoubleJ, l’americana piu famosa di Milano non ha bisogno di presentazioni. Le sue sete dai colori brillanti Made in Como nemmeno. Io ne ho uno viola e arancio che ogni volta che indosso è un tripudio di complimenti e magnificenza che non vorrei toglierlo più.

 For Restless Sleeper della Francesca Ruffini, una delle donne più chic che abbia mai avuto modo di incontrare. Sete stampate con una predilezione per i motivi naturalistici con vestaglie e giacche da camera coordinate a completare il look. Da avere nell’armadio senza la paura che passi mai di moda. 

 TelerieSpadari, un indirizzo immancabile a Milano. In via Spadari per l’appunto. Metri e metri di cotone – incredibile l’assortimento di fantasie Liberty – che aspettano solo di essere scelti. Modello rigorosamente da uomo, con i bottoni e il bordino a contrasto.

 Honna London, pigiami a strisce Made in London che secondo me ci puoi andare anche a Downtown Abbey in chiave moderna. Io ho ordinato quello a strisce larghe verde e panna! Attendo che arrivi in questi giorni. 

 Angela, conosciuta perché ogni anno apre un piccolo temporary delizioso a Milano, in zona Solferino. E io ogni anni mi compro un paio di pigiami nuovi. Quest’anno animalier con fascia verde smeraldo. Chicchissimo. 

 HoliHoli, brand francese senza fronzoli eppure con quella allure tipicamente Made in Paris. Che con un cappotto blu lungo e un paio di Birkenstock ci puoi andare a comprare anche la baguette da Princi. 

 Zara, a volte e solo a volte che poi è la condizione essenziale del fast fashion e a patto che non siano troppo lucidi. Che di lucido ci deve essere solo il vostro zigomo scolpito (questo vale quasi per la totalità  delle cose nel vostro armadio)

Lascia un commento