Candele. Pali santi. E altre amenità varie.

Candele e pali santi e profumatori d’ambiente e altre amenità varie per tirare fuori la Paltrow che è in ognuno di noi. Ma soprattutto da accendere ora, perché non esiste momento migliore per togliere la polvere da quella candela che preserviamo per chissà quale giorno e goderci la meraviglia di questo istante assolutamente normale.

Ambre Japonais di Byredo Una bomba di sensualità ma in versione “casalinga”. Pepe nero e coriandolo (e ve lo dice una che odia ma odia di un odio viscerale e profondo e atavico il coriandolo) addolcito dalla vaniglia e dal sesamo tostato. Come fossimo in un giardino giapponese ma senza muoverci dal divano di casa.

Feu De Bois di Diptyque, il mio mai senza in casa. Il profumo è quello del legno che brucia nel camino, in grado di scaldare qualunque stanza e qualunque animo e di teletrasportarci nel cuore dell’inverno. Non esiste ahimè una versione corpo ma per chi come me non ne può fare a meno è una valida sceltaè Bois D’Ascese di Naomi Goodsir.

L’incenso di Astier de Villatte, dimenticatevi gli incensi da negozio etnico da universitaria e anche quelli da Fiera del Levante. Il mio preferito Palais de Tokyo dedicato appunto all’ononimo building di Parigi profuma note di legno affumicato, pelle calda e metallo. 125 bastoni della durata di 30 minuti ciascuno da lasciar bruciare incuranti del tempo che passa. A Milano li trovate da Raw.

Palo Santo di Plentiness. PleasePleaPleae fate attenzione quando lo comprate perché vi è dietro questa bieca commercializzazione un annoso problema di riforestazione: il palo santo si ottiene dalla corteccia dell’omonima pianta tropicale. La tradizione vuole che debba cadere naturalmente e che resti al suolo per 6 anni così che possa invecchiare, assorbire tutti gli aromi naturali e sviluppare la resina che impregna il legno stesso e che poi bruciando emana l’aroma. Quindi senza considerare la moltitudine di fake venduti e acquistati è importante scegliere brand – come per l’appunto quelli venduti da Plentiness che si preoccupano della riforestazione e che lavorano solo con fornitori attenti alla tematica e consapevoli del problema. Thanks.

Lascia un commento