UNA VOLTA TANTO

Guarda le cose.
I luoghi, senza dimenticare gli angoli.
Ascolta le persone.
Compresi i silenzi.
Non lasciarti spaventare dalle distanze. Colmale.94d232150cd99faa8afb27c23649ea73

Non lasciarti spaventare nemmeno dai muri.
Che a furia di prenderli a calci cadono.
Pensa.
Prova a cambiare idea.
Non cedere al fascino della frangia.
Respira profondamente, con il diaframma.
Lascia che l’aria fredda entri nella tua mente.
Non avere paura di te stessa.
Segui il vento.
Improvvisa.
Dimentica a casa qualcosa.
Cambia casa, lavoro, ordine degli smalti.
Senti gli odori.
Impara un’altra lingua.
Concediti il lusso del pianto.
Non permettere all’indifferenza di assuefarti.
Soffia sui tagli del cuore delle persone che ami.
Bacia.
E tanto.
Passeggia fino a sentire la stanchezza impossessarsi delle tue gambe.
Dormi.
E poi ricomincia a camminare.
Canta.
Esagera con le ambizioni e i sogni.
Prendi il cuore.
Gettalo oltre l’ostacolo. Oltre la linea che delimita il confine.
Al di là di tutto. A cominciare dalla logica, che dove c’è il cuore non serve. E poi vallo a riprendere, qualunque cosa comporti.
Sii indulgente verso te stessa.
E prudente solo con l’altrui timidezza.
Non dire a cuor leggero, per sempre.
Sporcati le mani.
Abbi coraggio.
Sorridi – anche per le cose apparentemente stupide – senza provare vergogna.
Custodisci la capacità di sorprenderti, ancora.
Resta fedele alla tua famiglia.
Preferisci il vino rosso al bianco.
Ama con naturalezza, come fosse davvero una cosa semplice, l’amore.
Idrata sempre la pelle del viso.
Viaggia.
Ovunque tu possa andare.
A cominciare dal mare d’inverno.
Non credere a chi dice che le favole non esistono.
E smetti di misurare tutto con le aspettative che hai.

819f6b524078e5f529c7a29fea24fa70

216f0eb301e436f8d347b0780ec59bd4

073443109c9fca585fc41cc6c1e76a71

5b6382782b9adfb9e2a5212c8f32fe7c

SUNDAYS-131

Schermata-2014-04-18-alle-12.05.35

One Comment

Lascia un commento