E ALLORA BEN VENGA, ANCHE SETTEMBRE

955d6a766dc800b8ba0e464b23be51b0

Essì,

dicono che sia finita ma credo che per chi come noi viva con i piedi nudi e i capelli mai troppo in ordine in realtà in qualche parte del cuore non finisca mai.

E anche se fosse meglio così: l’alternanza delle stagioni a me è sempre piaciuta ma si sa sul punto non sono un riferimento troppo attendibile. Io, che preferisco i cambiamenti all’immobilismo, lo scorrere dell’acqua ai bicchieri anche se di cristallo che col tempo diventano trappole. Io che prediligo le evoluzioni e le trasformazioni del corpo e dei sentimenti alla rassicurante inerzia perpetuata senza alcun fremito. Io che diffido di chi non sente irrefrenabile il desiderio di cambiare, di darsi almeno una possibilità concreta. Per questo ho sempre trovato che il lento ed inesorabile passare del caldo del buio del freddo e della luce sia giusto, che quello scorrere di sale sulla pelle e di zucchero nella cioccolata calda di pioggia che tutto porta via e di sole che tutto asciuga del silenzio di certe domeniche e del frastuono di certe onde al tramonto d’agosto fosse perfetto. Inevitabile oltre che perfetto. E per questo l’ho sempre vissuto senza malinconia alcuna. E senza opporvi resistenza.

115d69661ed74fae97a503b45361b486

E allora ben venga il primo giorno di scuola, l’ombrello dimenticato a casa, le castagne calde in mano, la prima zucca di stagione, il maglione blu lungo sulle maniche. E allora ben venga la coperta sul letto, le pozzanghere, il desiderio di restare a casa, la tazza di thè lasciata raffreddare soffiandoci su, la marmellata di arance amare, un giro all’Ikea. E allora ben venga il pane caldo al forno, la doccia lenta e bollente a fine giornata, il rosmarino, una gita fuori porta la domenica a sentire il sapore dei funghi, il cinema con le dita che sanno di pop-corn, le abitudini che non sempre sono brutte. A volte sono semplicemente casa.

Ecco, bentornati a casa.

41c4d19c0baec72b36dfb83a8c1a7c8c

3 Comments

  1. Enrica

    L’alternza delle stagioni è il motivo per le amiamo, sappiamo che le viviamo per un periodo limitato. Sappiamo che c’è sempre una fine e questo ci spinge ad assaporarle meglio e quella parola fine non fa paura proprio perchè sancisce sempe un nuovo inizio. Un’estate senza fine non sarebbe più l’estate.. Bentornata.

Lascia un commento