MOMENTI DI TRASCURABILE FELICITA’ – CHE TRASCURABILE NON E’

Momenti di trascurabile felicità. Come se la felicità fosse poi davvero trascurabile. E ad esserlo non sono invece tutte le altre cose, quelle disordinate nella borsa nera ad esempio.

La marmellata di mele cotogne su una fetta biscottata integrale al mattino. L’istante in cui – correndo – senti che le gambe vanno. Da sole, senza nemmeno che tu sappia dove. Perché ciò che conta è che lo sappiano loro. Le finestre con le luci accese e la vita che vi è dietro. Che ti è dato guardare anche solo per il tempo di un semaforo. Vivere. E immaginare. Uscire senza un filo di trucco. I baci, tutti. Quelli consapevoli. Quelli rubati. I baci nascosti. I baci a labbra stretta quasi frettolosi ma che sanno dell’amore conosciuto e sicuro e sembrano voler dire – bentornata a casa. I baci con le mani strette dietro la nuca. Interrotti solo per riprendere fiato. Quelli che sono il preludio del resto. I baci tra le parole. Quelli del buongiorno e quelli della buonanotte. I baci dei film, tanto finti quanto perfetti. Anche i baci di whatsapp nonostante io preferisca di gran lunga quelli veri, dati ad occhi chiusi (che poi gli occhi si chiuderanno per non sorridere, ve?)

Il vento di tramontana che si incanala nei vicoli di Roma in quelle giornate fredde e pulite. Un mazzo di fiori che non ti aspetti. L’amore a prima vista, quello che un attimo dopo nulla sarà più come prima. Ogni volta che riesci ad essere indulgente con te stessa. Indulgente e meno severa. E più dolce. Il sabato mattina quando esco e vado a comprare i giornali. La tazza di caffè alla destra del mio polso, accanto al Mac, che è impossibile stabilire l’esatto istante per berla perché un attimo prima è troppo caldo e un momento dopo è già troppo freddo. Le promesse mantenute. E gli uomini che promettono solo ciò che possono mantenere. E mantengono ciò che promettono. Che poi sono gli unici che posso definire tali.

Fare l’amore. E dormire un sacco. Na jurnata’e sole. L’avocado schiacciato sul pane, con il pepe e con un filo d’olio. Il sorriso fuori luogo e fuori tempo come quando ti sorprende tra la folla un suo messaggio. Il vapore sulla finestra del bagno e la doccia bollente. Il cinema semi-deserto. L’odore del bucato appena fatto che sa di cose antiche. Le chat condivise tra amiche lontane. Una canzone di Mina alla radio, sempre. L’amore che non ha paura. Il primo sorso di vino rosso. La pasta fatta in casa mangiata cruda ancora sporca di farina. E anche il tramonto del lunedì.

Little Snob Thing

Little Snob Thing

tumblr_n38o9qymdi1qf8ltko1_1280

Little Snob Thing

Little Snob Thing

Little Snob Thing

3 Comments

  1. Camilla

    Ciao ragazze,
    sono una studentessa di Marketing e sto realizzando una tesi su come alcune caratteristiche dei retailers online modificano la percezione dei brand di lusso..

    Il link sottostante rinvia al questionario che mi servirà per le analisi statistiche della mia tesi,
    cerco donne che abbiano fatto acquisti su Yoox e/o Net-à-Porter che rispondano ad alcune domande..

    Grazie mille a tutte per la collaborazione, è di grande aiuto!

    https://qtrial2012.qualtrics.com/SE/?SID=SV_3NJkz6SLfaGKJ9P

Lascia un commento