PER LA VITA CHE VERRA’

BDAY3

Per me.

Per tutte le albe che ho atteso e per i tramonti che ho vissuto che ancora – a trent’anni e poche ore – non ho capito quale dei due momenti preferisco. Perché dovranno pur essere da qualche parte tutte le cose che ho imparato e che poi ho dimenticato. Pffff. Volatilizzate nel nulla. Sparite, nemmeno l’ombra di una declinazione di greco nella mia mente. Per la crema a base di bava di lumaca che dicono che faccia miracoli, per la crema anticellulite che io sono anni che me la spalmo sul fondoschiena pregando-e-massaggiando e per la crema pasticciera che profuma di limoni e di me bambina che aiuto la mamma assaggiandola direttamente dal cucchiaio di legno. Per le città in cui ho dormito e per quelle in cui mi sono svegliata e per quelle in cui mi sono persa e per quelle in cui mi sono ritrovata. Perché dissemino pezzi di cuore – qua e là – come se fosse ghiaccio dimenticato in un bicchiere. Perché l’unica paura che ho e quella di non avere più voglia di fare qualcosa che non ho mai fatto. Per le braccia esili ma forti. Per le gambe che non saranno quelle di Miranda ma vogliono andare lontano, correndo. O camminando, non importa. Per le strade che ho abbandonato senza pesi sul cuore e per il mio luogo in questo mondo che ancora non so quale sia ma sono certa che c’è. Con un faro, il vento e un albero di limoni. Perché sono avocado nell’insalata e tartufo sulle uova e un biscotto inzuppato troppo a lungo nel caffèlatte. Per la voce del Boss di cui mi sono innamorata perdutamente prendendo atto del fatto che una cosa l’ho capita ed è che sono una predestinata dell’amore a prima vista. Di quello che un attimo dopo nulla sarà più come prima. Perché devo ancora fare un milione di cose e forse qualcuna di più. Perché imparerò a cucinare prima o poi, ma credo più poi che prima. Perché sono meno severa con me stessa. Perché noi siamo quelli che “non temiamo il peccato perché abbiamo capito che il peccato è un punto di vista, non temiamo la disubbidienza perché abbiamo scoperto che la disubbidienza è nobile. Non temiamo la punizione perché abbiamo concluso che non c’è nulla di male ad amarci se ci incontriamo, ad abbandonarci se ci perdiamo”. Perché ho una voglia matta di andare all’Opera a sentire la Turandot. E di spararmi una selfie con un pinguino mentre attarverso la Patagonia. E di regalarmi una bottiglia di vino rosso, di quelle che te le ricordi la mattina dopo quando sfatta cerchi di prepararti un thè. E di concerti che balli anche sulla strada che ti riporta a casa. E di serenate e di messaggi che ti lasciano un sorriso sulla faccia stampato come il segno del cuscino il lunedì mattina. Per mia madre e per mio padre. Perché mi auguro di avere tempo e di impiegarlo per amare, senza alcuna remora e senza alcuna domanda. Perché mi avevano detto che avrei cambiato gusti e sapori eppure le meringhe mi piacciono come quando di anni ne avevo dieci e continuerei a pelare l’uva acino per acino come quando di anni ne avevo sette. Per tutte le pagine di un libro che ho già scritto. Perché credo nel destino e anche in Babbo Natale. Perché sono sola senza mai sentirmi sola. Perché dicono che il bello inizi ora ma io non ci credo poi tanto perché è bello già da un bel pezzo e lo sarà anche domani e anche di più. Perché non mi pento di nulla. Perché ci vogliono nervi saldi e cuore caldo e spalle larghe e un numero di quelli a cui puoi far squillare il telefono anche a notte fonda. Perché ho capito che una famiglia è quando le persone si prendono cura l’una dell’altra e tutto il resto è convenzione sociale e morale. Perché ho degli amici pazzeschi. In grado di stringermi il cuore. Per la neve che sarebbe bello vederla cadere ogni tanto quando apro la finestra. Per le volte in cui ho tremato e temuto. Per l’istante che segue: la felicità che ti spappola le ossa e ti succhia l’energia.

Per la vita che verrà.
Tutta.

BDAY4

15 Comments

  1. serena

    Che bella che sei! La tua bellezza io ogni singola parola! Auguri dolce Alessandra. Che tu possa mantenere sempre la leggerezza d’animo e questo sguardo innamorato della vita! Ancora auguri!
    Serena

  2. Vittoria

    Ecco oggi posso ufficialmente farti gli auguri senza la paura che possa portare sfortuna- che io poi neanche ci credo a queste cose in realtà.
    Auguri Alessandra, per tutti i momenti che dedichi a me e a chissà quante altre ragazze e donne (e uomini?) buttando giù sulla tastiera di un Macbook quello che hai per la testa. Che se le persone scrivessero di più sarebbe di sicuro un mondo migliore. E siccome a me non piace la Nutella ma qui stiamo tutti a creare hashtag personalizzati allora il mio sarà #chemondosarebbesenzalaAirò.
    Ancora tanti auguri, un bacio e un barattolo di marmellata. Non si sa mai.

    Vittoria from 5 IN THE MORNING
    http://vittoriafiveinthemorning.blogspot.it/

  3. Maria Katia Doria

    Solo un pensiero. Ma grande, come te.
    Tanti auguri con tutto il cuore.
    I trentanni ( e non si sa il perchè) sono l’età che ricorderai per tutta la vita. Saranno quelli delle grandi svolte e anche delle importanti occasioni.
    E fa che non siano perse. Mai.
    Ti abbraccio
    MK

    1. Alessandra Airo

      Con l’augurio di riuscire a prendere i treni giusti. Di lasciare correre via gli altri. Di ridere. Pensare e a volte anche capire.
      Un abbraccio grande a te. Ma grande grande.

  4. Carola

    Perche’ il mio frigo e’ zeppo di tuoi post.
    E questo ha il titolo di una canzone che ho molto amato, quando non ne avevo ancora trenta…
    Perche’ tu brilli e non di luce riflessa.
    Gran bella decade, fidati 😉

  5. Anna

    Leggerti è sempre un’ emozione, sempre un brivido sulla pelle e sempre un desiderio che cresce di averti a portata di mano, su un comodino, accanto al letto, alla poltrona o al divano, ma su un libro di 3000 pagine e forse anche di più…auguri splendore!

Lascia un commento