SUL SIGNIFICATO DI PERDERSI

7e4286a59c597b9cd605722af507b600

Perdere la strada, volontariamente come quando a uno svincolo decidi che tu vuoi andare da un’altra parte senza sapere bene dove ma da un’altra parte di certo.  Che tanto non ho fretta di tornare di casa e c’è ancora luce. Perdersi tra i tavoli di un ristorante affogati nel mare a fissare quel mare. Perdere la cognizione dei giorni e delle notti, al punto di non essere certa che oggi sia mercoledì (o forse è giovedì o lunedì) un po’ Alice nel Paese delle Meraviglie. Perdere la rotta senza avere l’ansia di ritrovarla che non sempre serve. Perdere tempo a fare qualcosa che ci piace. Un paio di chiavi e il rossetto in fondo alla borsa. Perdere l’equilibrio anche a piedi nudi: a volte succede, sai? La testa per un profumo che sa di cose buone – tipo le mandorle tostate – e familiari e allo stesso tempo di tutto ciò che non conosciamo e non abbiamo ma vorremmo, nel nostro più profondo. In quella parte di noi in cui non abbiamo il coraggio di perderci mai. E ancora perdere l’amore “maledetta sera”. Le brutte abitudini, quelle da cui dovremmo staccarci, come quando mangiamo un Oreo dividendo la crema dal biscotto. Perdersi in un bicchiere d’acqua o dopo un bicchiere di champagne. Perdere una partita che succede quando ti siedi al tavolo e decidi di puntare tutto ciò che hai su un colore e un numero. Come un fuoco d’artificio di quelli che brillano alti, su nel cielo scuro, e noi naso all’insù ad aspettare che torni il silenzio.

“Ogni città caotica ha bisogno di un’isola di pace così come ogni anima caotica ha bisogno di un luogo di quiete”

Alle città caotiche, che sono quelle in cui amo perdermi.
E al mio luogo di quiete. Che come ogni vero luogo non è segnato su nessuna carta.

f9183480a49e830ccd0426c5caaf041d

2601d715620271f3a046bf155f66acbe

tumblr_n00tixtjga1rwe56eo1_1280-1

fea27bf6839d7ae3d51dae08947bd3fd

29a9b633f1ac96c3c592a0e462c9b7de

a4ab7fa64b987b77a27f3f9eaf86b2d9

9c0cb3d23f28c65fec45c39ac7269ba5

7 Comments

  1. Carola

    Si. Perdersi.
    E trovare il proprio luogo di quiete, prezioso. Ancora di piu’, essendo noi inquiete per antonomasia.
    #belittlesnob

Lascia un commento