UN VELO DI ROSSETTO ROSSO (PERCHE’ ALCUNE COSE NON SI DICONO. SI FANNO E BASTA)

bc80baca725192375eb0f42a755a116e

Ci sono cose che non si possono spiegare. E anche se lo si potesse fare non sarebbe giusto farlo.

Ci sono cose che vanno lasciate lì, immobili. Sole e solitarie. Segrete. Altezzose e sopravvalutate agli occhi di chi, distrattamente, le trova quasi banali. Gesti. Parole. Un film. Uomini che abbiamo incontrato o semplicemente incrociato. Odori. Luoghi. Angoli. Un velo di rossetto rosso sulle labbra.

ffff9d5b2bacef5cd704e83b7ec533c8

Teatrale. Struggente. Elegante. Ostentato. Rassicurante. Femminile. Erotico. Sicuro. Materno. Impudico. Oltraggioso. Arrogante. Vizioso. Volgare. Audace. Eccessivo. Come solo l’amore e le donne possono essere.

Un velo di colore mentre fuori piove ed io non ho l’ombrello. A Gennaio, con la pelle bianca che sembra voler mostrare la sua volontà pura di non avere segreti alcuni, tanto è sottile e nuda.
Un velo di colore sul bordo del bicchiere di cristallo.
Un velo di colore che diventano un segno sulle labbra di qualcun’altro.
Un velo di colore a fine giornata, quasi a voler dire io me ne frego di questa vita che mi fa perdere il sonno sempre. E la affronto, con leggerezza. Che è l’unica cosa che a volte serve per essere felici.

Un velo di colore che delimita il confine segnato da Dio su dove finiscono le tue labbra e dove inizia la fantasia.

Ecco. Le dita di una donna che colorano di rosso le labbra sono uno di quei gesti che non si possono – e non si devono – spiegare. Che vanno lasciati lì, immobili. Come si fa con la poesia. Con il mare. Con le tazzine di porcellana della mamma. Con gli uomini che amiamo. Senza l’ostinazione di voler capire un perché, che non esiste. Ma con la ferma consapevolezza che alcune cose non si dicono, si fanno e basta.

(Io e il mio nuovo Ruby Woo ci amiamo già tanto)

e253cc87e843ea3cce46f5fa0f640bf4-1
3cb3f3cc91890b6127a56c4520f4e2a2 707060a2e8eecfead27064bd4a3acb59-1 ca6b20369768324560f43a9e6b399e86 08b20cc601dc01aedee326e1a83e8573 21845c7e4b74a7baa9fb3119be91ac85 0dcb72af23850bf16f28cc65f7552c0b 16253c200549209f6f3d06348e7fb18a 7fb3fce5018c6817f1cedd4d0045221f

11 Comments

  1. Angela Maria Racca

    Mi sono trovata in una situazione di critica al mio rossetto rosso… Ho risposto con un banale ed antipatico:” Ho 40 anni e faccio quel che voglio”. Ora citero’ te!!!! Grazie!!!

  2. Fede - thelittlepinkpepper

    come hai ragione!!!!!!Ho iniziato l’anno con un rossetto rosso di Guerlain che credo sia stregato. Lo stendo lentamente e senza lasciare macchie e in un attimo sono diversa. Solo il tempo che serve a un rossetto e sono una me più diva. Me, ma più me. Magia del rossetto rosso.
    bacio
    Fede

  3. Alessandra

    Indosso il rossetto rosso quando ho voglia di sentirmi donna, quando decido di smettere i panni della ragazzina che è tempo per tutti di abbandonare nel cesto dei panni sporchi. Indosso il rossetto rosso quando voglio stupire sfiorando l’eccesso, ma evitando la volgarità. Perché è quell’accessorio che ha tutte le potenzialità per esprimere eleganza, consapevolezza e determinazione.

    http://almenounmilionediscale.blogspot.it/

Lascia un commento