NON E’ MAI FACILE DIRSI ADDIO, MARC

Schermata 2013-10-09 alle 10.12.37

Tutto è pronto e tutto è chiaro. Basta varcare la soglia del cuore del Louvre per capire che quello che andrà in scena di lì a poco non sarà un semplice, se comunque di semplice si può parlare, show ma l’epilogo di un legame. Forte. Viscerale. Intenso. Tutto è pronto quando l’orologio rubato ad una stazione ferroviaria alle dieci in punto con tre rintocchi segna l’inizio di un corteo, funebre solo per chi ferma il suo sguardo all’apparenza. Nero: totale e annichilente. I lustrini di un cabaret. Graffiti – neri anche loro- sul corpo nudo di Edie Campbell che apre le melanconiche ma per nulla sommesse danze. I cavalli di una giostra compiono il loro percorso, sempre lo stesso. Nemmeno un fiato. Lo scintillio cupo dei cristalli. Sontuosità, ostentata e visionaria. Piume, piume e ancora piume, sugli abiti e suI diademi. Nero, ovunque. Ascensori e scale mobili che sembrano usciti da un libro di storia, della moda, la stessa storia che lui stesso ha scritto che e che oggi ripercorre. Le note di Tetramery di Ryan Teague a scandire il tempo. I corridoio cupi di un albergo. Le porte che sbattono silenziosamente come è giusto che sia in un momento così. La celebrazione solenne di ciò che è stato.

Vuitton6

Non è mai facile dirsi addio. E non è facile dirlo a te, Marc.
Da parte mia e della showgirl che è in tutte noi.

Questa collezione è dedicata alle donne che mi ispirano tutti i giorni e alla showgirl presente in ognuna di loro: Emmanuelle Alt, Jane Birkin, Betty Catroux, Carlyne Cerf De Dudzeele, Coco Chanel, Cher, Grace Coddington, Sofia Coppola, Victoire de Castellane, Catherine Deneuve, Claude Lalanne, Julie de Libran, Lady Gaga, Judy Garland, Katie Grand, Juliette Gréco , Françoise Hardy , Zizi Jeanmaire, Rei Kawakubo, Madonna, Liza Minnelli, Kate Moss, Louise Nevelson, Edith Piaf, Miuccia Prada, Lee Radziwill, Millicent Rogers, Sonia Rykiel, Carla Sozzani, Elsa Schiaparelli, Barbra Streisand, Diana Vreeland, Vivienne Westwood, Anna Wintour.
Che siano esuberanti o più riservate, sono tutte figure che mantengono vitale il linguaggio estetico. Il loro stile, talento la loro immaginazione, creatività, voce e visione hanno cambiato il nostro panorama e i nostri riferimenti.
Quando giro per Parigi, non sono catturato solo dalla bellezza e dalla profondità della città.Vengo soprattutto attratto dalle decorazioni e dagli ornamenti, è questo mi abbaglia. Non si tratta di solo pensiero ma di sentimento e non c’è una sensazione più profonda di questa, quando ti colpisce. Mentre disegnavo questa collezione, si è rifatto vivo lo stesso istinto, lo stesso feeling. Traggo il mio piacere dall’essenza delle cose, godendo dell’ornamento della bellezza, nell’interesse della bellezza. Essere connessi con qualcosa a livello superficiale, acquista quindi lo stesso valore dell’esserlo anche a livello interiore.”

#vuitton2

Vuitton4

Vuitton5

Vuitton3

Vuitton

Vuitton7

3 Comments

  1. jessica peacock

    Cara Alessandra, mi hai fatto venire la pelle d’oca. E’ bello che la vicinanza intellettuale delle donne possa accomunarle tanto da sentirsi vicine anche se non si conoscono e non si sono mai viste. Non smettere mai di scrivere!

  2. cristina

    capita che uno stilista decreti il successo di un marchio più della fama storica del marchio stesso. senza Marc LV sarebbe ancora al monotono monogram di 16 anni fa. non avremmo avuto ciliegie, scarabocchi e canvas sulle borse, tabto meno una linea di abbigliamento LV. Si può fare a meno di tutto, ma quando c’è fa comunque piacere. NO?

    http://www.designandfashionrecipes.com

  3. Vittoria

    Non posso commentare questa sfilata perché l’effetto che fa attraverso lo schermo del computer non è neppure minimamente paragonabile a quello che deve aver fatto ai fortunati possessori di quel magico invito che, come l’orologio, ha permesso di tornare un po’ indietro nel tempo per ricordare i lampi di genio di Marc. Bravo esattamente quanto bello. E forse di più.

    Vittoria from 5 IN THE MORNING
    http://vittoriafiveinthemorning.blogspot.it/2013/10/labyrinth-official-tee.html

Lascia un commento