MOSCHINO LOVES DISARONNO

IMG_4321

Che io sia a mio agio in una cucina come Valeria Marini alle prese con una selezione di abiti  Margela è cosa nota e chiara a tutti.  La situazione migliora, di poco, solo se si tratta di preparare caffè. Cappuccini e cocktail.

La premessa, anacronistica sotto il profilo “letterario”, appare però necessaria per giustificare la mia – temporanea – presenza tra i fornelli e i lavelli della cucina di Stefano e Riccardo, nota al secolo e al pubblico della rete come la GnamBox. L’occasione è quella della presentazione del progetto “Moschino loves Disaronno”. E lo fa al punto di firmare con una cascata di deliziosi micro cuori rossi su sfondo nero la nuova limited edition della iconica bottiglia. Inoltre, come se non bastasse questa overdose di romanticismo e malizia, parte del ricavato del progetto andrà a sostenere l’associazione Fashion 4 Development, a favore dei giovani designer africani. Bella e brava e buona e sexy, praticamente come me. Che mi sono anche dilettata nella preparazione del Love Disaronno Suor. Quando si dice una donna da sposare.

IMG_4359

40ml di Disaronno

15 ml di succo di limone (giuro che non ho usato quello già pronto e che non ho fatto danni spremendolo)

Ribes (vari ed eventuali)

Pestate. Stritolate. Schiacciate. Shakerate. E correggete il tutto con un po’ di champagne.

IMG_4389 IMG_4373 IMG_4357 IMG_4427 IMG_4454 IMG_4477 IMG_4483

6 Comments

Lascia un commento