NOODLES FOR BREAKFAST

#China14

“Viaggiare partire non fermarsi mai chilometri che sotto il culo passano e allontanano i guai viaggiare, vedere tutti gli angoli della terra rincorrere le estati farsi rincorrere dalla guerra che hai nel cuore correre più veloce del dolore come un jet supersonico precedere il tuo stesso rumore e fare in modo che non ti raggiunga mai viaggiare al volante di una macchina scassata che per ogni chilometro in più é un gloria al padre e fare una telefonata a tua madre, dire é tutto a posto ritorno per Natale ad ogni costo partire viaggiare agosto dopo agosto.
Allontanare ancora un po’ le responsabilità come in una crepa in una barca che prima o poi ti allagherà e sarà forse troppo tardi per rimediare partire viaggiare non dimenticare fotografare il mondo in movimento che si ripeterà ma chissà dove chissà quando partire e vivere cercando e ballando si ritmiche diverse e su diversi accenti ballare sopra i fusi orari e sopra i mutamenti di clima scalare la cima e poi scendere a valle una dieci cento mille miglia coi piedi per bagaglio e il mondo per famiglia mangiare le cucine dei paesi più lontani con le forchette con i bastoncini con le mani i paesi più lontani, ma lontani da che lontani da cosa lontani da dove con le radici nel tuo cuore e i rami nell’altrove partire col sole sempre in faccia ad ogni costo agosto dopo agosto.
Viaggiare sentirsi Marco Polo sentirsi molto solo qualche volta sopra un treno dentro uno scompartimento pieno di facce che non sai che non saprai confini di solitudini che non cadranno mai, che tu non rivedrai mai scambiare quattro chiacchiere in lingue che non sai comunicare con un semplice sorriso o con un gesto solo scoprirsi Marco Polo e non sentirsi solo tra gli umani stringere milioni di mani in ogni posto agosto dopo agosto.
Viaggiare attraverso il suono, buono, il basso che é un tuono viaggiare attraverso la musica attraverso la cultura la scoperta della natura e di sé, viaggiare nei perché viaggiare in Internet o sopra un jet o in bicicletta o a piedi e muoversi rimanendo fermi sul posto agosto dopo agosto”

A Pechino. A Shanghai. Alla mia compagna di viaggio. Alle persone incontrate. Alle meraviglie che non sono solo sette. Agli angoli visti. A Laura che senza di lei non sarebbe stata la stessa. Alle donne, tutte: che non siamo poi così lontane fatte di cuore ovunque. Alle strade, anche quelle chiuse. A Giorgia e Davide. Alla luce e a una notte lunga un giorno. A chi mi ha aspettava, a casa. E alla casa: che è lì che alla fine torniamo.

DSC_1135 DSC_1105 DSC_1084 DSC_1049 DSC_1044 DSC_0985 DSC_1232DSC_1024 DSC_1046 DSC_1096 DSC_0992

7 Comments

  1. Pasquale Corvino

    Mi emozioni sempre di più-
    Ogni volta ,le tue parole e le tue foto, gli istanti tutti mi fanno vibrare d’intensità forte, di felicità ritrovata.
    Ti seguo. T’aspetto. T’inseguo. Ti leggo. t’Assaporo.
    Sei sempre un palpito di cuore. Sappilo.
    Tu Unica, tra tutte.
    Il mio abbraccio sempre nascente.
    Continua,ti prego.

  2. Mirella

    Cara Ale,
    Mi è’ piaciuto molto quello che hai scritto!!!! Sei così profonda. La cosa piu interessante e’ leggerai fra le righe . A presto!!!!

Lascia un commento