Forse la gratitudine è il parametro della grandezza umana

xNGYiZT

Grazie a te, Lorenzo. Per la notte di venerdì. E per quella di due e quattordici anni fa. Perché in smoking sei tanta robba. Perché la gente mormora, ma noi la facciamo tacere praticando l’allegria. Perché sono una romantica, in fondo. E tu lo sai. E sai anche che A te mi fa impazzire. Perché con le braccia tatuate mi piaci ancora di più se possibile. Perché ho perso la voce ma va bene così. E ho sfiancato le gambe ma va bene così. Perché quel completo ricoperto di glitter oro era degno della mia collezione di blazer pirotecnici. Perché alla fine non ha piovuto ma io lo sapevo che Roma non avrebbe fatto la stupida stasera. Perché mi ricordi, quando me lo dimentico, che sono una ragazza fortunata. Oggi e sempre. Grazie all’immancabile dose di antidolorifico del lunedì mattina. Che dovrei smetterla di ballare vestita di bianco fino alle cinque del mattino con i piedi nudi sulla sabbia di Forte dei Marmi. Grazie ad Alessio, Eleonora, Paolo, Chiara e Greg, Candela, Leonardo e Alessandro, Veronica e Giorgio. E a mio fratello. Perché le stelle vanno condivise prima che scompaiano offuscate dal primo sole. Grazie alla cioccolata e al latte e alla cioccolata al latte che qualcuno dice faccia male ma io continuo a mangiarla.  Ai risvegli lenti, alle sedie a dondolo che ti riportano indietro e non solo con la schiena e le gambe rannicchiate, al vento; sempre. Grazie anche alla lezione di pilates del lunedì e del mercoledì e del venerdì che forse – e dico forse – si intravede un addominale. Che festeggeremo uso nostro con una maxi fetta di cheescake. Grazie ai week-end improvvisati, alla disorganizzazione che governa la mia esistenza che  la pila di cose da stirare super di gran lunga il mio stacco coscia. Ai miei punti fermi. Perché sono lì. Immobili, anche mentre il resto balla. Me compresa. 6a00d8358081ff69e20192aace17ca970d-800wiErin-Wasson-Vogue-Netherlands-July-2013.6IMG_9331angela-chicco MG_37691 xig4K5z

(CREDITS – LeFashion – TheSartorialist – Tumblr)

6 Comments

  1. Raffaella

    E la lacrima come ogni lunedi…scende!
    Ma è la mia lascrima preferita della quale non riesco a fare a meno!
    Grazieeeeeeeee

  2. Marianna

    Per rimanere in tema Lorenzo: “a te” che sai arrivare dritto al cuore , li dove conserviamo gelosamente sentimenti ed emozioni, queste tue parole colpiscono e lasciano sempre il segno. Bravissima, adoro il tuo stile e i tuoi post.

  3. Carola

    U.a.u.
    GRAZIE. a te. Alessandra.
    Te lo dice meglio Lorenzo (senza dubbio),pero’ sedia a dondolo e punti fermi mi gonfiano il cuore. Vado a pilates.
    C

Lascia un commento