Prendi un cucchiaino. Una camicia di Dries Van Noten e Jane Birkin



1) Innanzitutto grazie, settemilaottocento volte grazie. Per esserci ogni giorno: a chi mi segue silenziosamente dal febbraio di due anni fa, a chi fa sentire la sua voce, a chi è arrivata dopo, a chi è rimasta incastrata tra le maglie larghe del mio maglione preferito. A voi. Ah, la mia pagina privata ha qualche problema di overbooking di richieste e Mister Zuckerberg sta facendo i capricci: nell’attesa di riuscire a risolvere il problema potete attivare gli aggiornamenti qui 2) Ieri sera ho infornato una torta mele e cannella che mi sono stupita di me stessa: a breve vi posto la ricetta 3) Desiderio del giorno: mini dress di Vionnet scovato su Glamorama, un week-end con le amiche a Marrakech e un paio di lenzuola di seta nuove da aggiungere alla mia collezione 4) Se volete iniziare a portarvi avanti con i regali di Natale, se volete rendere il vostro risveglio più “romantico” o se semplicemente, come me, non potete fare a meno di perdere la testa per questo genere di cose date un’occhiata a questi meravigliosi cucchiaini: non sono assolutamente indispensabili? 5) Ho letteralmente perso la testa per la collezione Primavera/Estate di Dries Van Noten dove lo stile grunge di Courtney Love viene magistralmente interpretato in chiave couture 6) A Roma ha aperto Laduree: per chi volesse saziare gli occhi e la bocca con la loro bellezza e la loro bontà l’indirizzo è via Borgognona 4C 7) Diffidate dalle donne sciatte, da quelle prive di sogni irrealizzabili, da quelle che bevono solo Coca-cola light. Dalle donne arrabbiate con gli uomini, da quelle rancorose perché una volta la felicità gli ha voltato le spalle, da quelle che non incastrano mai il tacco in un sampietrino. Da quelle che preferiscono Lady Gaga a Jane Birkin, da quelle che hanno tutto eppure non è mai abbastanza inconsapevoli del fatto che abbiamo più di quanto sia morale avere. Da quelle che non sanno stare sole, mai, nemmeno una sera a guardare Serendipity per la duecentesima volta, da quelle che ambiscono alla perfezione, da quelle che non si prendono in giro, da quello che loro fanno con intelligenza: valigie incluse. Da quelle con la biancheria spaiata, l’eyeliner sempre perfettamente steso e l’ombrello in borsa una sera piovosa di fine ottobre. 


26 Comments

  1. Anonymous

    diffido diffido….ma la biancheria sempre appaiata è un mito da sfatare, proprio per non prenderci troppo sul serio (magari no mutanda di hello kitty e reggiseno di agent provocateur) ma si può fare…E i cucchiaini mi fanno morire!!!
    Baci, Paola

  2. Anonymous

    Grande! La coca cola è una: in lattina rossa e con lo zucchero, il resto è la versione plastificata di un piacere dell’anima. Una sola in somma! L.

  3. Anonymous

    bel post, però basta questpo concetto di diffidare etc da chi non è come te. non c’è niente di più bello della varietà e l’universo femminile ne è l’emblema. quindi evviva la biancheria spaiata come quella coordinata, evviva le maniache dell’ordine che non uscirebbero mai senza ombrello e quelle che pensano che andare in giro a gamba nuda a dicembre sia figo.

  4. C

    Oddio mi hai appena dato il regalo perfetto per il mio ragazzo: il cucchiaino. Altro che stupidi mezzicuori!

    letyourselfbeinspiredby.blogspot.it

  5. marisa

    Leggere i tuoi post è sempre cosi piacevole ale:)
    Adoro ladurèè..e spero di poter salire presto a roma o a milano x deliziare il mio palato con quei magnifici dolcetti che adoro**
    e poi voglio assolutamente la ricetta della torta di mele e cannella..ne ho già tante ma una in più fa sempre bene e vorrei provarla..magari proprio x questo fine settimana se scrivi la ricetta x tempo:)
    Grazie mille baci

  6. Anonymous

    “da quelle che hanno tutto eppure non è mai abbastanza inconsapevoli del fatto che abbiamo più di quanto sia morale avere.” una di quelle cose sulle quali vale sempre la pena riflettere 😉 Qnto sarebbe bello farsi 4 chiacchiere e qualche risata con te a via borgognona 7C…! Sabrina*

  7. Anonymous

    diffida da chi come me non ha mai fatto, ne infornato una torta di mele (sono allergica..sigh!) ma in compenso è cresciuta a pane e Birkin…e legge il tuo blog da un anno e non può più farne a meno!grazie anche per l’idea dei cucchiaini li amo già! Marta

  8. Eleonora

    Diffidate da chi si innamora velocemente, da chi chiude una porta avendo già un portone spalancato.
    Diffidate da chi vi sembra sempre e costantemente felice, da chi non è in grado di mostrare le proprie debolezze e deve sempre paraventarsi dietro maschere.
    Diffidate da chi vi dice o vi fa capire che è meglio mollare, perchè ogni sogno val la pena di essere inseguito.

    Un bacio Alessandra.

Lascia un commento