"Fuori piove e tu sei la persona con cui voglio guardare fuori, quando fuori piove" (cit.)

E’ lei: la mezza stagione. Quella che la maggior parte di noi crede non esista più. Lei, la protagonista indiscussa delle conversazioni in ascensore con la vicina del terzo piano. Lei, una leggenda che vive nelle nostre menti grazie all’opera di Vivaldi. O Marina Rei. Che guida le nostre dita tra i tasti del Mac mentre imprechiamo a suon di status contro l’acquazzone che ci ha sorpreso con un paio di ballerine a righe ai piedi. Caldo-freddo-vento-pioggia-grandine-sole-e ancora pioggia si alternano tra loro alimentando, a suon di previsioni, le incertezze già presenti nella mia natura di donna circa il dress code. E’ lei ed è qui. Forse semplicemente per dirci che è arrivato il momento di indossare il nostro trench prima che sia troppo tardi, di calzare gli Hunter verde oliva con un paio di parigine color champagne e di fregarcene se la piega non regge perché ai nostri capelli ci penserà Shu Uemura e il suo Absolue che sa di camelia. Forse semplicemente per dirci di vivercela. 
Quindi per favore smettete di lamentarvi e godetevela prima che tra il sommo stupore senta qualcuno, i primi di luglio, esclamare “Oh, che caldo”

(GaranceDore – Tumblr – Jak&Jill)

16 Comments

  1. Anonymous

    “…fuori piove e tu sei la persona con cui voglio guardare fuori, quando fuori piove….”
    che colpo al cuore!!!!!!
    E’ grave se è esattamente quello che vorrei fare ORA…e…non con il “lui ufficiale”?????

  2. Anonymous

    sa essere affascinante quando sei in casa avvolta in una calda coperta, oppure in estate quei bei temporali che ti fanno tornare a casa con i vestiti zuppi, ma con un sacco di risate insieme alla tua amica..
    e triste in tutti gli altri casi 🙂

    Chiara

Lascia un commento